You are currently browsing the monthly archive for giugno 2010.

Del video davvero non ci ho capito molto – anzi quasi niente – ma vi assicuro che ieri sera all’Hana-bi i Local Natives si son fatti capire per bene. Davvero fantastici. Non credevo che sarebbero riusciti a suonare così bene, con così tante voci in ballo. Invece alla fine hanno portato a casa il risultato chiamato “suonanomegliochedacd”. Complimenti.

Ieri si è capito anche che l’estate è finalmente e definitivamente arrivata. Era ora.

Citazione e segnalazione per merito assoluto naturalmente va fatta all’Hana-bi che si conferma anno dopo anno “the Place 2 B” della East Coast. Un posto dove i gruppi sembrano trovarsi a proprio agissimo (e vorrei anche vedere il contrario). Heaven.

P.s.: anche i LN sembrano gradire…

Qualche volta hai voglia di scherzare.

Qualche volta di arrabbiarti. Di offendere.

Qualche volta ce stai a provà.

Succede che trovi una cosa talmente inutile che non riesci a smettere di usarla.

Una di quelle cose che categorizzerei sotto: “anche a questo non serve internet”. (oppure: “i milleuno modi per distrarsi dallo studio”)

Lei è CleverBot e ha accettato di uscire con me.

<3

World Identity Lab è un progetto davvero particolare che si presenta come un progetto di ricerca sull’identità. Il concetto di identità è esplorato attraverso iniziative che prevedono uno spunto prettamente “social”, e cioè la partecipazione del web intero.

“Identity is partly defined by belonging to a particular group and by social roles, the “us”. On the other hand, identity also exists, at least in our society, in the encounter with our own uniqueness, the “me”, which each individual experiences in his or her own way.”

Tutto ciò mi piace tantissimo ma devo ammettere che non mi avrebbe colpito così tanto se non avesse prodotto con un tempismo perfetto il progetto “Fouled!!!“.

Per partecipare basta spedire per mail una foto che ti ritrae mentre simuli un fallo.

Amo quando la gente ti chiede apertamente di LOLLARE.

Alla fine penso che questi mondiali non verrano ricordati tanto per vincitore, capocannoniere e delusioni ma per le Vuvuzelas.

Questo “simpatico” suono che accompagna le partite per tutta la loro durata.

Le tv di tutta Europa stanno cercando di eliminare questo suono attraverso filtri e decompressori o semplici abbassamenti di volume. Naturalmente grazie Rai per non averci nemmeno pensato.

Per chi non l’avesse ancora vista. La faccia di Beckham dopo la papera di Green.

Soprattutto per questo aspettavamo i mondiali. Thanks Becks

UPDATE: via

so LOL

Il clima che si respira in questi giorni devo ammetterlo, mi piace. Aspettavo i Mondiali. Sarà perchè ho visto su RaiStoria tutte le partecipazioni dell’Italia a qualsiasi mondiale? (cosa non si fa per non studiare..) Beh può darsi.

Sarà che grazie a tutto questo ritorno degli anni 80 e 90 non riesco a fare a meno di paragonare questi mondiali 2010 a quelli di Italia 90. Di analogie vere non ce ne sono e lo ammetto. Sarà però che la bruttezza della mascotte “Ciao“, così brutta da diventare bella (il destino di un pò tutte le mascottes) mi ricorda un pò questa “Zakumi” sudafricana che ora sembra solo un manga asessuato e disegnato male ma alla fine dei mondiali avrà sicuramente per le nazionali più forti un valore affettivo.

Che faccio? Porto sfiga? Può darsi. Fatto sta che non vedo l’ora che l’Italia giochi un po’ per togliermi la curiosità di sapere quanto forti siamo quest’anno e un po’ per mettere fine a questa noiosissima sequela di giornalisti sportivi che non avendo nulla di cui parlare o sparano a zero sulla nazionale o denigrano le altre.. Mi fanno un po’ pena. Dev’essere dura dire qualcosa sempre, a caso, purché qualcosa si dica per essere pagati.

Inoltre 2 cose mi mandano fuori di testa: sto pallone “Jabulani” che tutti criticano senza nemmeno averlo prima provato. Ma rivolete indietro “Etrusco“? Non scherziamo. Il pallone è quello, con quello che venite pagati giocate e non rompeteci il cazzo, please. L’altra sono le Vuvuzelas.. Sono così fastidiose che c’è persino un’app sull’appstore (anzi più d’una). E si sa che quando qualcosa finisce sull’appstore è per forza già diventata “out”.

p.s.: Trovatemi una canzone migliore per i mondiali di “Un estate italiana“… provateci!

chi pigia sui tasti

Go Faster

  • ..come sindaco di Springfield proclamo il 6 Dicembre giornata mondiale del We'll be back shortly. E tutti dovranno ribloggare! * 6 years ago
  • http://d.pr/h3NV HOT TUB TIME MACHINE, nuovo post. Una regola di questo universo è che al trash non c'è mai fine * 6 years ago
  • RT @lucafaenzi: Un gruppo di esagitati ha fatto irruzione in Senato. Hanno tutti la cravatta verde e dicono di venire da uno stato che n ... * 6 years ago
  • NUOVI POST * 6 years ago
  • Nokia N8, cosa copierai adesso? * 6 years ago